Arte al femminile (258)

Maria Vinca nasce a Milano nel 1878. Frequenta l’Accademia di Brera sino al conseguimento del diploma, poi si trasferisce a Venezia nel 1903, a 25 anni, per seguire i corsi dell’Accademia delle Belle Arti e La Scuola Libera di Nudo. A Venezia, in calle San Domenico, vicino a San Trovaso apre un atelier, che diventa luogo d’incontro di numerosi artisti.

Calle+San+Domenico+(Riva+Sette+Martiri).jpg

Pregevoli sono i suoi paesaggi, soprattutto quelli dedicati a Venezia e molto raffinate le nature morte, ma è nel ritratto che si specializza, con uno stile inconfondibile. Come ritrattista lavora per importanti famiglie venete, come i Brandolini, i Cini, i Papafava, i Valmarana, i Marzotto, per citarne alcuni. Le viene chiesto anche di affrescare un soffitto di un palazzo veneziano di prestigio.

Durante la prima guerra mondiale è autrice di cartoline e manifesti a favore del Prestito Nazionale, caratterizzate da un certo stile liberty.

$_35.JPG

Nel 1918 dipinge alcune cartoline con ritratti femminili ispirati al gusto dell’epoca. Viene richiesta come ritrattista dal Convitto Nazionale Marco Foscarini di Venezia, dove, tra le altre cose, esegue i ritratti degli allievi morti durante la Grande Guerra.

Di particolare interesse storico è l’amicizia con la famiglia di Giacomo Matteotti, che l’artista frequenta e ritrae. I ritratti dei Matteotti fatti da Maria sono oggi conservati nelle stanze della Casa Museo a Fratta Polesine (Rovigo).

matteotti-540x250-300x138.jpg

Espone con continuità a Venezia sia in una Galleria privata che alla Biennale, e a Parigi. In occasione dell’Esposizione Internazionale di Torino del 1911 ottiene grande successo, tanto che la rivista mensile La Donna, le dedica 3 pagine.

Negli ultimi anni della sua vita apre a Venezia una scuola privata. Sue opere sono vendute anche negli Stati Uniti.

Muore a Venezia nel 1939.

Molti suoi lavori sono in possesso di suoi discendenti e di collezionisti.

Molte mostre postume le sono state dedicate in località del Veneto: a Cortina, a Bassano e a Padova nel 1998, presso la Villa Reale di Stra nel 2011, a Mirano nel 2014. Nel 2015 a Venezia (10-11 dicembre), nell’ambito del Convegno Gli artisti di Ca’ Pesaro: le mostre del 1919 e del 1920 (Università di Ca’ Foscari, Progetto di Ateneo Venezia ‘900: gli artisti di Ca’ Pesaro 1908-1925) Jean-François Rodriguez fa un lungo intervento sulla pittrice(Maria Vinca, capesarina).

Ciò testimonia il valore di Maria e l’attualità del suo linguaggio.

1200px-Maria_Vinca_(autoritratto).jpg

180px-Maria_Vinca,_Ritratto_della_nipote_Didi.JPG

220px-Maria_Vinca,_Ritratto_della_nipote_Teresa.jpg

tumblr_n00o83lavg1rc9b33o1_1280.jpg

R_Vinca - Gian Matteo Matteotti (1923).jpg

220px-Maria_Vinca,_Emma.jpg

Arte al femminile (257)

ridim-9278_RacheleVillaPernice 1880ca.jpg

Rachele Villa Pernice nasce a Milano nel 1836, figlia di Cesare Cantù, letterato e patriota. Sposa Angelo Villa Pernice, primo sindaco di Concorezzo, dopo l’unificazione del Regno d’Italia. Concorezzo è un comune della provincia di Milano che vanta origini medievali.

1200px-Concorezzo--Chiesa_di_Sant'Eugenio--2.JPG

Sulla “puncia”, (punta, penisola) di fronte all’isola Comacina, in territorio di Sala Comacina, sul lago di Como, si affaccia Villa Rachele, già Beccaria, che Rachele eredita dal padre. Qui riunisce un salotto letterario noto col nome di “Accademia dei pedanti”, animato da personaggi di spicco della cultura italiana del tempo, come Antonio Fogazzaro, Tommaso Gallarati Scotti ed Ettore Verga, storiografo e direttore dell’Archivio del Castello Sforzesco di Milano, solo per citare i più famosi.

038-l.jpg

Quando il marito diventa deputato lo segue a Firenze perché il parlamento italiano ha sede nella città toscana per alcuni anni(1865-1871).

Si dedica alla pittura di soggetti floreali e al paesaggio, lavorando soprattutto all’acquerello. Diventa membro effettivo della Società degli Acquarellisti di Roma, presso la quale espone nel 1877, nel 1881 (Luglio, Dal mio giardino, Rose e gelsomini, Aprile) e nel 1891. Alle mostre di Milano prende assiduamente parte dal 1879 al 1890. È presente alle esposizioni di Torino (1880, 1884), di Firenze (1880, 1889), di Roma (1883, 1890).

Rimasta vedova, ritorna nella villa di Concorezzo.

Recupera accanto al proprio nome quello di “Cantù”, perché figlia dell’omonimo storico.

Le viene assegnata per un periodo la funzione di ispettrice scolastica per le scuole del paese. Ottiene il diploma d’onore come benefattrice dell’asilo di Concorezzo.

Svolge intensa attività di mecenate.

Muore a Milano nel 1919.

Fiori+(Rachele+Villa+Pernice,+acquarello+su+carta)-2.jpg

Fiori+(Rachele+Villa+Pernice,+acquarello+su+carta)-1.jpg

Rachele+Villa+Pernice+a+Concorezzo.jpg

 

Arte al femminile (256)

La promozione dei giovani artisti nell’Ottocento è affidata alle Società promotrici delle Belle Arti, che rilasciano borse di studio e sponsorizzano mostre temporanee e monografiche. Si deve aspettare l’unità d’Italia per richiamare l’attenzione internazionale sul nostro panorama artistico, tramite l’organizzazione delle Esposizioni Universali e della Biennale di Venezia .

Anche in Italia, sebbene in misura minore rispetto altri paesi europei, si sviluppa un collezionismo legato alla nascente alta borghesia.

La scelta dei temi varia secondo l’ambiente cui i quadri sono desinati: ad esempio i paesaggi figurano in genere nei salotti femminili, i ritratti e i quadri di storia trovano posto nei salotti maschili. Dipinti e sculture, soprattutto se appartenenti ad artisti che hanno raggiunto una certa notorietà, sono segno di potere economico e di aggiornamento culturale: valore artistico e valore economico si legano indissolubilmente, determinando o riflettendo la fortuna critica degli artisti, l’influenza dei collezionisti e il prestigio dei mercanti.

Nel 1871 Roma diventa la capitale del Regno d’Italia e inizia una radicale riorganizzazione degli spazi urbani. In città affluiscono diplomatici, funzionari, impiegati… Èlites politiche ed élites intellettuali si confondono, mentre la vita mondana segue il calendario delle sessioni parlamentari. Molti artisti rimpiangono “l’ultima capitale della resistenza alla modernità”, con la sua aria un po’ decadente. Rimane forte il legame con la pittura romantica.

Giacomo-Brogi-1822-1881-Roma-Chiesa-della-Trinita-dei-Monti.jpg

Vannutelli Giuseppina nasce a Roma nel 1874. Si accosta all’arte grazie al pittore romano Scipione Vannutelli, suo parente. Si specializza nel paesaggio, nelle scene di genere e nei soggetti pompeiani. A Roma espone per vari anni con la Società Amatori e Cultori, con il gruppo In Ars Libertas e con l’Associazione degli Acquarellisti. Si presenta alle esposizioni della Triennale di Milano.

Muore dopo il 1948 a 74 anni.

I suoi quadri, dai colori un po’ cupi, hanno atmosfere malinconiche.

giuseppina-vannutelli-senza-titolo.jpg

giuseppina-vannutelli-auf-der-herbstweide.jpg

89872b94-4595-46f3-91f0-e65580fe1985_570.jpg

P1080527.jpg

vannutelli_giuseppina-navata_di_chiesa~OM1d7300~10042_20090220_20090225_259.jpg

vannutelli_giuseppina-nonna_e_nipotina~OMd94300~10042_20090220_20090225_240.jpg

 

Arte al femminile (255)

Amelia Tessitore Gelanzè nasce a Messina nel 1866, ma trascorre la vita a Napoli. Impara a dipingere dal padre Francesco e dal fratello Fulvio. Segue gli insegnamenti dei migliori artisti di Napoli. Espone per la prima volta a 20 anni, presentando alla Società Promotrice di Belle Arti Una via dell’antica Napoli, un olio su tela attualmente nella collezione della Banca Intesa Sanpaolo. Continua a esporre con successo e suoi quadri vengono acquistati dal Banco di Napoli e dal Municipio di Napoli. Nel 1888 si presenta all’Esposizione Italiana di Londra e nel 1891 all’Esposizione Nazionale di Palermo.

Muore a Napoli intorno al 1930.

Il Museo Civico di Barletta conserva il ritratto della pittrice, opera di Filippo Cifariello.

Tessitore Gelanze Amelia.jpg

L’amore per Napoli si manifesta nei numerosi scorci della città. I paesaggi sono il genere preferito, così come gli angoli cittadini e gli interni.

opera-tessitore20gelanzc3a820amelia.jpg

12323.jpg

Arte al femminile (254)

Lucia Tarditi nasce a Livorno nel 1890 (secondo altre versioni a Torino nel 1893), una dei sette figli di Giovanni Tarditi e Angela Balbi. Pare che il padre fosse figlio naturale del re Vittorio Emanuele II: compositore, direttore di banda e d’orchestra, era noto in Italia e all’estero come il massimo esponente dell’arte bandistica italiana. La famiglia Tarditi, trasferitasi a Roma, apre il salotto a personaggi dell’arte e della cultura come Balla, Sironi, Pirandello, Emilio Cecchi, Moravia…

Lucia studia a Roma sotto la guida di Giacomo Balla: è una delle prime donne a seguire studi regolari presso l’Accademia di Belle Arti, avendo come compagni di corso giovani artisti come Boccioni e Severini. Da Balla acquisisce una particolare sensibilità per il colore e impara a trattarlo con pennellate forti e sicure. Nel 1908 posa per l’opera di Balla Salutando.

Dal 1909 al 1927 espone con continuità nelle mostre degli Amatori e Cultori. Partecipa alla I e alla II Sindacale del Lazio (1929, 1930), alla I e alla II Biennale Romana (1921, 1925). Si presenta a Torino alle prime due edizioni della Esposizione Internazionale Femminile di Belle Arti (1910, 1913). Nel 1940 partecipa alla Biennale di Venezia.

Non definita la data di morte.

Nel 2010 in occasione della mostra Piccole donne al Quirinale viene rivolto un grande omaggio a questa pittrice, di cui viene ammirata l’opera Marga.

Artista versatile, dipinge paesaggi, quadri di genere, fiori e ritratti. Ottiene successo di pubblico perché i suoi lavori danno un’impressione di spontaneità e freschezza, al di fuori di ogni corrente artistica.

Tarditi Lucia.jpg

ritratto_al_femminile7.jpg

tarditi_lucia-controluce~OMf51300~10250_20080403_1405_43.jpg

 

Arte al femminile (253)

Francesca Stuart Sindici nasce a Madrid nel 1858 da nobile famiglia, discendente dalla storica casata inglese degli Stuart. Appassionata di pittura viene mandata in Italia per perfezionare la propria arte.

Diventa allieva di Edoardo Dalbono e Domenico Morelli a Napoli. Edoardo Dalbono è un pittore figurativo che pratica la pittura all’aria aperta soprattutto nelle prime ore dell’alba, per cogliere i giochi di luce, che riporta in quadri pieni di poesia. Domenico Morelli invece unisce verismo e tardo romanticismo in scene di genere e ritratti. Entrambi influenzano lo stile di Francesca e la sua tecnica.

Francesca sposa il poeta dialettale romano Augusto Sindici con cui si stabilisce a Roma. Il marito, ufficiale di cavalleria, esordisce come poeta nel 1896 per far conoscere anche con i versi il misero stato degli abitanti della campagna romana: è molto apprezzato dal D’Annunzio, che cura la prefazione di alcune sue pubblicazioni. La loro figlia Magda diventerà un’apprezzata scrittrice e sposerà l’editore inglese William Heinemann.

Esperta amazzone, Francesca ama dipingere cavalli purosangue, ma si dedica anche al ritratto, soprattutto femminile, al paesaggio e a soggetti storici.

Il suo quadro “Corsa di una carrozza a Napoli” è incluso nel libro “Women painters of the world” del 1905.

Un episodio della battaglia di Custoza si trova al Museo del Risorgimento di Roma.

La Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma conserva il suo dipinto del 1889 Il passaggio del Tevere da parte dell’esercito italiano nel 1870, attualmente in deposito presso il Museo Storico dell’Arma dei Carabinieri, a Roma.

Muore a Roma forse nel 1929.

258608-3.jpg

Francisca Stuart Sindici - gone to the meet - 1893.jpg

Francisca Stuart Sindici - returning home - 1893.jpg

big_Sindici .jpg

d60e3e4f-19f5-4ef9-bc8c-fee6f01eced4.jpg

Arte al femminile (252)

Luisa Silei nasce a Firenze nel 1825. Non si trovano nei testi ufficiali notizie sulla sua vita. Si sa che studia con Carlo Marko, un pittore ungherese considerato tra i più importanti paesaggisti del suo tempo, attivo a Firenze dalla metà del XIX° secolo. Luisa lavora per committenti privati. Presenta i propri lavori tardivamente in un’esposizione a Roma del 1883 (a 58 anni). Nel 1884 la troviamo a Torino, alla Mostra delle Belle Arti. A Firenze partecipa a importanti esposizioni tra il 1882 e il 1885. Passa dai paesaggi romantici a un più moderno naturalismo. Muore a Roma nel 1898.

“Viandanti all’alba” del 1890 è un esempio significativo della sua evoluzione artistica.

silei_luisa-viandanti_all_alba~OM72f300~10243_20151031_0173-2_415.jpg

Luisa viene ricordata nel libro “Invisibile women. Forgotten artist of Florence.” (ed. italiana e inglese) a cura di Jane Fortune e Linda Falcone, TheFlorentinePress, 2010. In questo interessante volume Jane Fortune guida il lettore in un viaggio nei musei fiorentini, dai nobili saloni degli Uffizi ai depositi nel “soffittone” di Palazzo Pitti, per scoprire opere d’arte al femminile.

“Jane Fortune apre una finestra sulle sfide e i trionfi di donne la cui vita e i capolavori restano una parte tanto sconosciuta quanto affascinante del patrimonio culturale di Firenze. Tra episodi storici e pietre miliari del presente, “Invisible women” è una celebrazione della creatività, un grido di protesta contro l’indifferenza, una corsa contro il tempo e un sogno ambizioso per il futuro.”

content.jpg