Arte al femminile (266)

L’età vittoriana rappresenta un lungo periodo della storia inglese: dal 1837, anno in cui a soli 18 anni sale al trono la regina Vittoria, sino alla sua morte nel 1901. Si ha un periodo di floridezza economica, espansione commerciale e coloniale, ma anche di lacerazioni sociali e culturali. Aumenta il divario tra classi ricche e povere, si sviluppa il lavoro minorile e lo sfruttamento del lavoro femminile, sottopagato e sottostimato. Lo straordinario processo di sviluppo industriale ha parecchi lati oscuri, per le drammatiche condizioni di vita e lavoro nei grandi centri industriali. Dal punto di vista culturale si ha il passaggio dal razionalismo al romanticismo e al misticismo. Finita tale epoca si prepara il tormento della prima guerra mondiale. L’inquietudine caratterizza i soggetti artistici e ci si aggrappa al passato, alla mitologia, al sogno.

Evelyn-de-Morgan.jpg

Evelyn De Morgan nasce a Londra nel 1855, in una famiglia dell’alta borghesia. Educata in casa, come si usa al tempo, inizia a ricevere lezioni di pittura all’età di 15 anni. A 17 anni annota sul diario “ l’arte è eterna, ma la vita è breve…Ora vi porrò rimedio, non ho un momento da perdere.” Chiede ai genitori di iscriverla a una scuola d’arte, ma questi inizialmente si oppongono, poi accettano di iscriverla alla Slade School of Fine Art. Lo zio John Roddam Spencer, pittore preraffaellita, influenza il suo stile. Evelyn lo va spesso a trovare nella sua villa di Bellosguardo, in Toscana, dove questi vive. Ciò le permette di studiare i grandi artisti del Rinascimento italiano, in particolare rimane molto colpita da Botticelli. Evelyn si reca anche a Roma, per approfondire i propri studi. La prima esposizione si ha nel 1877, presso la Gronsvenor Gallery. Nel 1887 sposa il ceramista e novellista William de Morgan. S’interessa allo spiritismo e fa sperimenti di scrittura automatica, con cui accompagna a volte i suoi dipinti. I coniugi De Morgan vivono tra Londra e Firenze fino allo scoppio della prima guerra mondiale. Nel 1917 Evelyn rimane vedova. Muore nel 1919.

Gran parte dei suoi lavori, grazie all’interessamento della sorella, sono conservati a Wandsworth, Londra, presso la Fondazione De Morgan.

Il suo stile è caratterizzato dalla precisione del dettaglio e da un particolare interesse per i temi mitologici. Sviluppa uno stile personale: i suoi soggetti sono quasi sempre femminili ed esprimono le sue personali visioni spirituali e filosofiche. Vive in un periodo di cambiamenti e di preparazione alla catastrofe della prima guerra mondiale, per cui ricerca nello spiritualismo risposte alle proprie inquietudini. Ha creato un totale di circa 102 quadri ad olio.

220px-Morgan,_Evelyn_de_-_Aurora_Triumphans_-_c._1886.jpg

220px-Queen_Eleanor_&_Fair_Rosamund.jpg 220px-Night_and_Sleep_-_Evelyn_de_Morgan_(1878).jpg

d5d7ffebdc905e6780ab8ed39fdc4561--pre-raphaelite-evelyn-de-morgan.jpg

1.jpg

3b17d60b722680b0c4f90de822097914.jpg

21f174249b5b71c3a3e4be192277431e--angel-paintings-oil-paintings.jpg a14450e527e57c7e1f25a26c0d71680b--gods-and-goddesses-angels-among-us.jpg

839e6da55bca1d4d7d19a8258ba0c58c.jpg 25eed948f45fa8ea8d1b5653bb9e1730--pre-raphaelite-greek-mythology.jpg

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...