Combattere con se stessi…

81z03ylzJ5L.jpg ylPXY6UZ.jpg

La sciagurata ha due temi che s’intrecciano: quello dell’anoressia e quello della maternità. Silvia, la protagonista, inizia a 16 anni a considerare il cibo come un nemico. Diventata terribilmente magra, si sente bene in un corpo emaciato e si considera forte, proprio perché riesce a sconfiggere il cibo, considerato nemico implacabile. Diventata donna, si trasferisce da Roma a Milano. Ha una relazione con Andrea “bellafaccia”, giovane regista di successo, ma rimane in lei un profondo malessere, che niente sembra colmare. Diventa bravissima in cucina ed è in grado di preparare piatti deliziosi, con cui si gratifica nei momenti difficili, salvo poi pentirsi e correre in bagno per fare di tutto per vomitare e liberarsi dal senso di colpa di avere ceduto alle lusinghe del cibo. La svolta avviene quando si accorge di essere incinta: Andrea non vuole la responsabilità di un figlio e Silvia inizialmente pensa di abortire, ma poi non ha il coraggio di farlo. Lascia Andrea senza dirgli niente e ritorna a Roma. Nella vecchia casa trova un avviso di sfratto, non ha lavoro e i genitori, separati da anni, sono entrambi all’estero. Attorno a lei ruotano personaggi maschili di diverso spessore: Andrea, lontano ed egoista; un professore-mentore che si innamora di lei; un giovane sensibile e affettuoso conosciuto tramite una rubrica di posta del cuore; il pediatra che l’ha aiutata da ragazzina, che la capisce e la aiuta anche nell’attuale situazione. La nascita di Maria costituisce una svolta per Silvia, che inizia un nuovo percorso di vita e per fare questo va lontano da tutto e da tutti…

Un bel romanzo, avvincente, che tratta con delicatezza tematiche impegnative.

Perché la sai una cosa? Da un male come questo non si guarisce mai. Non ti fidare di quelle che dicono di averlo superato, sono delle ipocrite, perché non è vero, hanno tutte un po’ di nostalgia. Ora stanno meglio, dicono. Macché : venderebbero la madre, pur di riavere la loro meravigliosa e spaventevole consistenza di spettro…”

Annalisa Angelucci nasce a Roma e lavora per parecchi anni per la RAI. Scrittrice e giornalista, attualmente vive a Nancy. “La sciagurata” è il suo primo romanzo e viene pubblicato nel 1995.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...