Arte al femminile (258)

Maria Vinca nasce a Milano nel 1878. Frequenta l’Accademia di Brera sino al conseguimento del diploma, poi si trasferisce a Venezia nel 1903, a 25 anni, per seguire i corsi dell’Accademia delle Belle Arti e La Scuola Libera di Nudo. A Venezia, in calle San Domenico, vicino a San Trovaso apre un atelier, che diventa luogo d’incontro di numerosi artisti.

Calle+San+Domenico+(Riva+Sette+Martiri).jpg

Pregevoli sono i suoi paesaggi, soprattutto quelli dedicati a Venezia e molto raffinate le nature morte, ma è nel ritratto che si specializza, con uno stile inconfondibile. Come ritrattista lavora per importanti famiglie venete, come i Brandolini, i Cini, i Papafava, i Valmarana, i Marzotto, per citarne alcuni. Le viene chiesto anche di affrescare un soffitto di un palazzo veneziano di prestigio.

Durante la prima guerra mondiale è autrice di cartoline e manifesti a favore del Prestito Nazionale, caratterizzate da un certo stile liberty.

$_35.JPG

Nel 1918 dipinge alcune cartoline con ritratti femminili ispirati al gusto dell’epoca. Viene richiesta come ritrattista dal Convitto Nazionale Marco Foscarini di Venezia, dove, tra le altre cose, esegue i ritratti degli allievi morti durante la Grande Guerra.

Di particolare interesse storico è l’amicizia con la famiglia di Giacomo Matteotti, che l’artista frequenta e ritrae. I ritratti dei Matteotti fatti da Maria sono oggi conservati nelle stanze della Casa Museo a Fratta Polesine (Rovigo).

matteotti-540x250-300x138.jpg

Espone con continuità a Venezia sia in una Galleria privata che alla Biennale, e a Parigi. In occasione dell’Esposizione Internazionale di Torino del 1911 ottiene grande successo, tanto che la rivista mensile La Donna, le dedica 3 pagine.

Negli ultimi anni della sua vita apre a Venezia una scuola privata. Sue opere sono vendute anche negli Stati Uniti.

Muore a Venezia nel 1939.

Molti suoi lavori sono in possesso di suoi discendenti e di collezionisti.

Molte mostre postume le sono state dedicate in località del Veneto: a Cortina, a Bassano e a Padova nel 1998, presso la Villa Reale di Stra nel 2011, a Mirano nel 2014. Nel 2015 a Venezia (10-11 dicembre), nell’ambito del Convegno Gli artisti di Ca’ Pesaro: le mostre del 1919 e del 1920 (Università di Ca’ Foscari, Progetto di Ateneo Venezia ‘900: gli artisti di Ca’ Pesaro 1908-1925) Jean-François Rodriguez fa un lungo intervento sulla pittrice(Maria Vinca, capesarina).

Ciò testimonia il valore di Maria e l’attualità del suo linguaggio.

1200px-Maria_Vinca_(autoritratto).jpg

180px-Maria_Vinca,_Ritratto_della_nipote_Didi.JPG

220px-Maria_Vinca,_Ritratto_della_nipote_Teresa.jpg

tumblr_n00o83lavg1rc9b33o1_1280.jpg

R_Vinca - Gian Matteo Matteotti (1923).jpg

220px-Maria_Vinca,_Emma.jpg

Annunci

2 pensieri su “Arte al femminile (258)

    • Il mio limite è di procedere un po’ disordinatamente. Parlo di artiste che scopro man mano, a volte per caso. Spero in futuro di avere tempo per riordinare il tutto e fare un indice. Per il momento faccio quello che posso. Grazie del commento. Un abbraccio 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...