Arte al femminile (236)

Dopo aver ricordato alcune artiste italiane dell’Ottocento, volgo l’attenzione a quanto succede in Europa, dove le donne pittrici cercano una propria dimensione e un proprio spazio.

Helen_Allingham,_photograph.jpg

Helen Mary Elizabeth Paterson nasce nel 1848 nel villaggio di Swadlincote, Derbyshire, in Inghilterra. È la maggiore dei sette figli di Henry Alexander, medico di campagna, e di Maria Chance Herford, figlia di un mercante di vini di Manchester. La madre mal sopporta la vita in un paese povero e desolato: la famiglia si trasferisce ad Altrincham, (Trafford)dove il padre migliora la propria condizione economica. Helen inizia presto ad appassionarsi di pittura. A 13 anni le muoiono il padre e la sorellina di 3 anni per un’epidemia di difterite e la famiglia si sposta a Birmingham, dove viene aiutata dai parenti. Helen s’iscrive alla locale Scuola di Disegno e a 17 anni vince un posto alla Royal School of Art di Londra. Nel 1867 entra alla Royal Academy School, ma per mantenersi deve lavorare e trova impiego in un’azienda d’incisione e come illustratrice di riviste. Ottiene successo come illustratrice, tanto da lasciare l’Accademia e lavorare a tempo pieno come curatrice di illustrazioni per libri e riviste. Questo lavoro le permette di conoscere il poeta e giornalista irlandese William Allingham, che sposa nel 1874, a 26 anni, nonostante la differenza d’età di più di venti anni. I coniugi si stabiliscono a Londra. Helen ha tre figli, che ritrae varie volte. Abbandonata l’attività di illustratrice si dedica alla pittura ad acquarello, entrando nella Royal Watercolour Society. Nel 1881 la famiglia si trasferisce in un piccolo villaggio del Surrey. Helen inizia a dipingere la bellissima campagna intorno a lei, le fattorie e i cottages del Surrey e del Sussex. Continua a dedicarsi a questi soggetti, raffigurando altre parti del paese: il Middlesex, il Kent, l’isola di Wight e la campagna dell’ovest Inghilterra. Ha occasione di visitare Venezia, di cui dipinge suggestivi scorci e lussureggianti giardini.

Muore nel 1926.

I suoi lavori sono raccolti principalmente presso la Burgh House, Hampstead.

Burgh_House_in_New_End_Square_-_geograph.org.uk_-_674944.jpg

I suoi quadri sono delicati, pieni di poesia, luce e colore. Molte sono le scene domestiche, che includono aspetti dell’infanzia.

 Helen-Allingham-Helen-Mary-Elizabeth-Paterson-In-the-Nursery-S.JPG  78d7c5d96249472775bf1bf3e3a31f7c.jpg

7da5abfb9cc626e365f94174ba612b82.jpg

paterson13.jpg

san-giorgio-maggiore-helen-allingham.jpg

Advertisements

3 pensieri su “Arte al femminile (236)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...