Arte al femminile (229)

Due artiste nate nello stesso anno, in contesti diversi…

Il Piemonte è la regione che ha durante l’Ottocento la presenza della corte. L’unità d’Italia e lo spostamento della capitale a Roma nulla tolgono al prestigio della città, che conserva una propria vivacità culturale. In pittura vi sono scuole importanti e molte iniziative espositive.

Eugenia Grassis Rossi nasce a Torino nel 1872. Si forma nel contesto dell’Accademia Albertina. Svolge un’intensa attività espositiva dal 1895 al 1925. Pittrice esperta nella tecnica dell’acquarello e dell’olio, si dedica soprattutto ai paesaggi e alle nature morte. Muore a Torino nel 1952, a 80 anni.

grassis_rossi_eugenia-annamoe_county_wicklow~OMcc6300~10703_20070917_20070917_72.jpg

grassis_rossi_eugenia-errigal_mountain_donegal~OMdfc300~10008_20080226_2002_31.jpg

grassis_rossi_eugenia-garofani_rosa~OM909300~10578_20061026_A95G_438.jpg

La fine dell’Ottocento vede Verona gravemente colpita dalla grande alluvione del settembre 1882, che cambia in parte la fisionomia d’interi quartieri. Sulla città si abbatte anche una crisi economica che provoca un’ondata di emigrazione, che si protrae sino alla prima guerra mondiale. In campo artistico l’Accademia veronese si distingue in questo periodo per particolare vivacità, grazie al potenziamento dell’istituzione, reso possibile dal generoso lascito del conte Paolo Brenzoni. Dopo un concorso nazionale viene chiamato a dirigere la scuola e ad insegnarvi pittura Napoleone Nani, pittore veneziano di tendenza verista, che porta a Verona l’esperienza didattica dell’Accademia di Venezia, allora riformata e vivacissima.

1a21df82-c5fa-4413-9d15-a1d935730bd4.jpg

Gisella Groppo Weingrill nasce nel 1872 a Verona da Luigi Groppo, farmacista, e da Annunciata Cassarini Peroline. Si forma presso l’Accademia Cignaroli. Suoi temi prediletti sono la maternità e l’infanzia. Nel 1893 espone alla Mostra Nazionale di Verona e poi in altri contesti. Si dedica anche all’arte sacra e al concorso d’Arte Sacra del 1902 a Firenze si segnala la sua Madonna delle rose. Viene apprezzata anche come ritrattista. Sposa Gaetano Arturo Weingrill da cui ha un figlio, Zeno. Trascorre parecchi anni a Pinerolo (Piemonte). Muore nel 1967 a Verona all’età di 95 anni.

Sue opere si trovano presso il Museo Miniscalchi-Erizzo di Verona, che le ha dedicato una personale nel 1993.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...