Sottili intrecci di vita…

9788807817953_quarta.jpg comencini.jpg

Matrioska è un romanzo in cui la voce narrante è quella di Chiara, aspirante scrittrice, che accetta di scrivere la biografia di Antonia, monumentale, straripante scultrice settantacinquenne. Antonia assomiglia a una bambola russa con i pomelli rossi e gli occhi pesantemente truccati, una matrioska appunto, avvolta in caftani colorati, che ne nascondono le forme debordanti. Chiara è felicemente sposata con Luca e ha due bambini, ma non ha superato il dolore dell’abbandono della madre, che l’ha improvvisamente lasciata da sola a 3 anni e di cui non ha più saputo niente. Antonia ha un passato burrascoso, di lavoro, di successi, di passioni vissute intensamente, del bruciante ricordo di Giorgio, morto suicida. Dopo aver vissuto controcorrente, con un matrimonio annullato alle spalle, la rottura con la famiglia d’origine, amori con uomini più giovani, ha il rimpianto di non aver avuto un figlio. Chiara soffre invece di frustrazioni artistiche, ritenendosi capace solo di scrivere biografie, mentre il suo sogno sarebbe di poter completare un romanzo. Tra le due donne s’instaura un rapporto sempre più stretto e Chiara alla fine trova la spiegazione dell’abbandono da parte della madre e scopre la vera identità di questa misteriosa donna. I destini delle due donne trovano un filo che li unisce e dia un senso al loro incontro…

Un libro “cinematografico”, fatto di continui rimandi al passato e di scene ben costruite. Interessante, intimista, dai toni delicati.

Cristina Comencini (Roma, 1956), scrittrice e regista, con Feltrinelli ha pubblicato: Le pagine strappate (1991, 2006), Passione di famiglia (1994), Il cappotto del turco (1997), Matrioška (2002), La bestia nel cuore (2004), Due partite (2006, 2015), L’illusione del bene (2007), Quando la notte (2009; anche in audiolibro nel 2011), Lucy (2013), Voi non la conoscete (2014) e, per la collana digitale Zoom, La nave più bella (2012). I suoi film: Zoo (1988), I divertimenti della vita privata (1990), La fine è nota (1992), Va’ dove ti porta il cuore (1996), Matrimoni (1998), Liberate i pesci (2000), Il più bel giorno della mia vita (2002), La bestia nel cuore (2005, nominato all’Oscar per l’Italia; dvd Feltrinelli ‟Le Nuvole”, 2006), Bianco e nero (2008) e Quando la notte (2011).

  • I silenzi sono spesso più importanti delle parole.

  • Nelle storie si comincia sempre dall’inizio, invece è un errore. Bisogna conoscere prima il punto di arrivo e poi scorticare progressivamente gli strati di pelle di cui è fatta una storia.

  • Ogni essere vivente è fatto di morti, uno incastrato nell’altro fino al più vecchio, quello che è ancora in vita.

  • Ogni vero libro contiene un mistero ignorato anche dall’autore. Chi scrive e chi legge sono accomunati dalla stessa passione di svelarlo. Lo fanno insieme, in un cammino comune, in cui al lettore pare di essere portato, mentre lo scrittore non sa la strada né la direzione.

  • Succede spesso. Quando si è anziani, si tende a saltare il tempo delle realizzazioni, come se non contasse. E la fine e l’inizio contenessero già tutto.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...