Ancora un libro per capire…

5280_Lamoreeglistraccideltempo_1255994370.jpg 0008168FAU.jpg

L’amore e gli stracci del tempo

La guerra dei Balcani sembra un capitolo di storia dimenticato, nonostante tutto il dolore che ha provocato. Questo romanzo narra una vicenda romantica e dolorosa insieme. Milos e Besor sono amici nonostante il primo sia serbo e il secondo Kosovaro: condividono la passione per la medicina e la poesia. Quando Besor viene arrestato per motivi politici, Milos si fa carico di sua moglie Slavica e di sua figlia Ajkuna. Tra Ajkuna e Zatlan, figlio di Milos, nasce un amore forte e dirompente. Purtroppo scoppia la guerra del Kosovo e i due ragazzi sono brutalmente separati, dopo avere promesso di cercarsi sempre e comunque. Zatlan deve diventare militare di leva e assistere alla violenza di molti suoi compagni verso donne, bambini e anziani. Ajkuna a 15 anni vede morire suo padre, intervenuto per salvarla e viene deportata da alcuni soldati, per diventare, come tante altre donne, oggetto di continua violenza. Zatlan finisce in Italia, dove incontra Ines, che lo aiuta e s’innamora di lui. Ajkuna viene salvata e portata in Svizzera, dove partorisce Sarah e pian piano riesce a realizzarsi, diventando una donna in carriera. Quando dopo lunga attesa e ricerca riescono a ritrovarsi dopo nove anni, scoprono che l’amore è stato distrutto dagli eventi e dal tempo. Il legame idealizzato è stato per entrambi un’ancora per non impazzire, ma il destino ha deciso per loro.

In un montaggio alternato vengono descritte le vite dei due protagonisti, il loro continuo cercarsi e pensarsi, con tanti personaggi che li accompagnano nella storia.

Il romanzo è sincero, senza cadere nell’esagerazione, di una cruda semplicità, che rende vivida l’insensatezza della guerra, lacerante per la vita degli individui.

Anilda Ibrahimi è nata a Valona nel 1972. Ha studiato letteratura a Tirana. Nel 1994 ha lasciato l’Albania, trasferendosi prima in Svizzera e poi, dal 1997, in Italia. Il suo primo romanzo, Rosso come una sposa, è uscito presso Einaudi nel 2008 e ha vinto i premi Edoardo Kihlgren – Città di Milano, Corrado Alvaro, Città di Penne, Giuseppe Antonio Arena. Per Einaudi ha pubblicato anche il suo secondo romanzo L’amore e gli stracci del tempo (2009 e 2011, di cui sono stati opzionati i diritti cinematografici, premio Paralup della Fondazione Nuto Revelli). I suoi romanzi sono tradotti in sei Paesi. Nel 2012 ha pubblicato, sempre per Einaudi, Non c’è dolcezza.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...