Arte al femminile (165)

(294) Toma_Gioacchino 26.5x26.5 sito.jpg

Nel corso dell’Ottocento in Italia si pensava che l’arte dovesse interessare alle donne solo dal punto di vista amatoriale. Non c’erano forti barriere formali all’ingresso delle donne in Accademia, perché le artiste non venivano percepite come una vera minaccia per una professione a monopolio maschile, mentre ben altre barriere culturali scoraggiavano di fatto le donne dall’affermarsi come professioniste in campo artistico. Solo nel 1873, completata l’unificazione italiana, Vittorio Emanuele II approva uno Statuto dell’Accademia di Belle Arti di Firenze che toglie qualsiasi vincolo numerico all’ammissione delle donne. Questo fa seguito a una circolare ministeriale del 1870, che consente alle donne di accedere alle scuole superiori, mentre l’esame di disegno viene inserito nei regolamenti didattici e le donne possono accedere a questo insegnamento. In realtà pochissime figure emergono e spesso solo legate ad ambiti familiari favorevoli. Da una parte manca in Italia un collegamento tra esigenze di emancipazione e professioni nell’arte, d’altra parte c’è una certa stagnazione del mercato artistico, che blocca soprattutto le firme femminili. I lavori delle donne finivano quasi esclusivamente in collezioni private, per cui è anche difficile recuperare immagini di quanto da loro prodotto.

Nel 1859 alcune artiste avevano preso parte all’ultima delle Biennali borboniche e ne ricordo qualcuna.

carrelli-clementina.jpg

Clementina Carrelli nasce a Lecce nel 1835, il padre è il cavalier Luigi, ufficiale del disciolto esercito napoletano e comandante della gendarmeria di Lecce, la madre è la nobildonna Luisa Palombi. Clementina si dimostra sin da piccola molto incline al disegno. Dopo essersi cimentata con successo nella copia di alcune opere presenti in casa, il suo talento naturale convince i genitori ad affidarla agli insegnamenti del pittore Biagio Molinaro. In occasione di un viaggio a Roma rimane incantata dalle meravigliose sculture che ha potuto ammirare e decide di dedicarsi alla scultura. Inizia a eseguire pitture e sculture che espone in alcune mostre, riscuotendo un buon successo. Nel 1859 partecipa alla Mostra di Belle Arti che si tiene nel Museo Borbonico di Napoli, dove presenta Agar e Ismaele. Questo evento rappresenta il suo esordio ufficiale nel mondo artistico. Ha la possibilità di recarsi più volte a Roma e in altre capitali europee, per arricchire la sua formazione artistica. É presente alle esposizioni di Milano nel 1872 e poi all’Esposizione Universale di Vienna nel 1873. Nel 1888 partecipa all’Esposizione Italiana di Londra con un unico lavoro. Clementina muore ottantunenne a Napoli nel 1916. Le sue opere sono sparse un po’ in tutto il mondo.

Monteroni-Iesi.jpg

Maria Spanò nasce a Napoli nel 1843 e inizialmente viene avviata alle tecniche pittoriche dal padre, Raffaele Spanò, specializzato nella pittura di genere, nei paesaggi, nei quadri di storia. Maria si dedica alla ritrattistica e alla riproduzione di nature morte con fiori. Interessanti i suoi paesaggi e i quadri che ritraggono aspetti della vita in campagna. La Pinacoteca di Capodimonte acquista un suo quadro intitolato La confidenza, e due tele a grandezza naturale, raffiguranti due contadini e un cortile di campagna, sono comprate dal Consiglio Provinciale di Napoli. Di lei si sa pochissimo o, almeno, io ho trovato scarsissimi frammenti di notizie.

spano_maria-barche_di_pescatori_sulla_spiaggia~OM86a300~10250_20041216_1275_101.jpg

spano_maria-vista_del_golfo_di_napoli_da_un_giard~OM7b6300~10268_20130216_0088-1_320.jpg

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...