Arte al femminile (72)

L’Académie royale de peinture et de sculpture (=Accademia reale di pittura e scultura) viene fondata a Parigi nel 1648. Parigi aveva già l’Accadémie de Saint-Luc, che era una corporazione di artisti sul modello di analoghe istituzioni italiane, ma lo scopo della nuova istituzione è di preparare in modo specifico gli artisti che devono lavorare per la Corte e dar loro un’etichetta di approvazione ufficiale. Nel 1661 passa sotto il controllo di Jean- Baptiste Colbert, che fa delle arti la maggiore espressione della glorificazione di Luigi XIV. Dal 1683 in poi raggiunge il massimo splendore sotto la direzione di Charles Le Brun, con una precisa gerarchia interna e un ben delineato sistema d’insegnamento. Inizialmente Luigi XIV dichiara che l’accoglienza va riservata a tutti gli artisti di talento, senza distinzione di sesso, tanto che nel 1682 le donne accademiche sono già sette. Nella sua vecchiaia il re diventa evidentemente più conservatore, tanto che nel 1706 le porte dell’Istituzione francese sono nuovamente chiuse, con l’eccezione delle pittrici Rosalba Carriera e Margaretha Haverman. Verso la fine del secolo verranno ammesse poche altre, tra cui Anne Vallayer-Coster.

Catherine Duchemin è la prima donna ammessa a questa prestigiosa istituzione nel 1663. Di lei si sa ben poco. Figlia del maestro e scultore Jacques Duchemin e di Elisabeth Hubault, sposa nel 1657 lo scultore Francois Girardon, con il quale ha diversi figli. Si distingue anche lei per le nature morte, genere prettamente femminile. Muore nel 1698. Complesse composizioni di fiori e drappeggi, mescolati a busti classicheggianti evocano in questo periodo i fasti di Versailles.

TNATMORAltre artiste che vengono ammesse all’Académie Royale sono le sorelle Madeleine e Geneviève Boullogne: anche su di loro si hanno solo notizie frammentarie.

Geneviève Boullogne nasce a Parigi nel 1645, figlia del pittore Louis Boullogne e sorella di Bon, Madaleine e Louis, tutti con doti artistiche. Si forma alla scuola del padre, che partecipa alla decorazione del Louvre e della reggia di Versailles. Egli dà ai figli anche una solida formazione negli studi classici. Geneviève, assieme alla sorella, lavora alla decorazione dei Grandi Appartamenti della Reggia di Versailles. Si trasferisce ad Aix-en-Provence dopo aver sposato lo scultore Jean-Jacques Clérion. Il 7 dicembre 1669 è ammessa all’Accademie assieme a Madaleine. Muore in Provenza nel 1708.

Madeleine Boullogne nasce a Parigi nel 1646. Dopo un periodo di formazione, inizia a lavorare nei laboratori reali, in particolare presso le Tuileries, dove dipinge 4 tele per l’anticamera dell’appartamento del re e poi dipinge quadri anche per l’anticamera dell’appartamento della regina a Versailles. Conduce una vita austera e pia, insegnando a molti studenti, rimanendo celibe e vivendo con il fratello Bon. Pare sia vicina agli insegnamenti del Giansenismo e il suo stile di vita è semi-monacale. Si cimenta sia nelle nature morte che nei ritratti. Muore nel 1710. Il suo nome viene progressivamente dimenticato nel corso del XVIII secolo, tanto che alcuni suoi dipinti sono attribuiti ad altri. La maggior parte del suo lavoro viene distrutto durante la costruzione della Galleria degli Specchi.Le sue opere si caratterizzano per richiami alla vanità della vita, secondo gli stilemi del suo tempo.

310px-Antichambre_de_la_reine-TROPHEES_D'ARMES_ET_INSTRUMENTS_MILITAIRES-2 boullogne_madeleine-vanité_aux_partitions_sablier_et_crân~OM608300~10157_20050705_5409_23

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...