Arte al femminile (69)

Nel ‘400 e nel ‘500 il Portogallo è una potenza mondiale, avendo formato un impero marittimo che va dal Sud America, all’Africa e all’Asia. Nei due secoli successivi perde la maggior parte delle ricchezze e delle colonie, in favore degli olandesi, degli americani e dei francesi. Dopo essere stato incorporato nell’Unione Iberica nel 1581 il paese riconquista l’indipendenza nel 1640: il duca di Braganza diventa re del Portogallo con il nome di Giovanni IV. Musicista e compositore, avvia in Portogallo il culto dell’Immacolata Concezione, che proclama protettrice del regno. Colleziona una delle biblioteche più grandi del mondo (successivamente distrutta da un maremoto). L’arte diventa uno strumento per recuperare prestigio: si abbelliscono chiese, monasteri, le case dei sovrani e dei notabili del tempo.

Isabel_Luisa_Josefa._óleo_do_Museu_Nacional_dos_Coches,_que_esteve_atribuído_a_Josefa_de_Óbidos Josefa_cordeiro-pascal

Josefa_de_Óbidos_-_Natureza_morta_com_bolos JosefaObidos4

Josefa de Obidos, il cui nome di nascita è Josefa de Ayala Figueira, nasce a Siviglia, in Spagna nel 1630. Suo padre, Baltazar Gomes Figueira, è un pittore portoghese originario del paese di Obidos. Recatosi a Siviglia nel 1620 per migliorare la propria tecnica pittorica, lì conosce e sposa Catarina de Ayala y Cabrera, di origini andaluse. La famiglia torna in Portogallo, a Peniche, dove Baltazar continua l’attività di pittore. Sin da piccola Josefa dimostra vocazione per la pittura e l’incisione su lame di rame e argento. All’età di 14 anni è a Coimbra, nel Convento da Graça, dove il padre dipinge la pala d’altare principale della chiesa: viene accettata come novizia, ma dopo poco tempo si rende conto che la vita in convento non le si addice e torna nel suo paese. Nei decenni successivi Josefa, diventata abile artista, viene chiamata a dipingere pale d’altare per chiese e conventi nel Portogallo centrale. La prima opera nota è una raffigurazione di Santa Caterina, datata 1646. Lavora a Obidos, a Cascais, a Peniche… Nella Cappella di Varatojo sulla collina di Torre Vedras c’è un’eccellente Madonna addolorata e nel coro del Convento un Gesù Bambino a lei attribuito. Ci sono suoi lavori nel Monastero di Alcobaça, nel Monastero di Batalha, nel Monastero di San Girolamo a Evora, dove si può ammirare un agnello circondato da festoni di fiori, considerato uno dei dipinti meglio riusciti. Si dedica anche al genere della natura morta e ai ritratti. Dipinge il ritratto di Maria Francisca Isabel di Savoia, moglie di Pedro II e di sua figlia Isabel, promessa sposa di Vittorio Amedeo Duca di Savoia, cui il quadro è inviato per mostrargli la futura sposa. Dimostra interesse per la stampa, la lavorazione dell’argilla, la progettazione di costumi, tessuti, accessori vari. Nell’Accademia delle Belle Arti di Lisbona si conserva un suo telaio. Nel 1653, a 19 anni, cura l’edizione a stampa dello Statuto di Coimbra.

Muore ad Obidos nel 1684, all’età di 54 anni.

Molte delle sue nature morte, considerate le opere migliori, sono ora nel Museo Nazionale d’Arte Antica di Lisbona. Il suo lavoro appare in molti altri musei e in collezioni private portoghesi: alcune sono andate disperse nel terremoto del 1755, che ha distrutto molto edifici di Lisbona. Il suo stile è prettamente barocco, con gli sfondi scuri e i colori brillanti, l’attenzione alla realtà e la tensione religiosa tipica della Controriforma.

Josefa era molto legata al borgo di Obidos, in cui ha trascorso praticamente tutta la vita. La cittadina prende il nome dal latino “oppidum” (insediamento fortificato): conserva ancora le antiche mura e un castello del XIII secolo. Nel Museo, situato accanto alla Chiesa di Santa Maria, sono conservati bei dipinti di Josefa.

natureza-morta-com-frutos-e-flores-1670  natureza-morta-doces-e-flores-1676

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...