Arte al femminile (28)

The_artist_Marie_Thérèse_Reboulmarie-thérèse-reboul-vien-a-still-life-with-a-glass,-two-carafes,-a-loaf-of-bread-and-a-plate-on-a-ledge marie-thérèse-reboul-vien-panier-de-fruits,-anémones-et-plumes-de-paon-sur-un-entablement

marcus-aurelius-distributing-bread-to-the-people-0004venus-showing-mars-her-doves-making-a-nest-in-his-helmet-0002

La rivoluzione culturale dell’Ottocento e dei primi del Novecento si può maggiormente apprezzare se facciamo un passo indietro e ricordiamo alcune artiste meno note, ma significative, vissute tra ‘700 e ‘800, che hanno preparato il cambiamento e hanno aperto la strada all’ingresso delle donne nel mondo artistico in senso lato. Ovviamente le note biografiche relative a queste pittrici sono piuttosto scarne, ma rimangono i loro pregevoli lavori, sparsi in musei di tutto il mondo. Una caratteristica ricorrente è (come più volte rilevato), che queste donne vengono introdotte nell’ambiente artistico perché figlie di…mogli di…allieve di… Solo gli artisti inseriti nella Reale Accademia di Pittura e Scultura hanno l’opportunità esclusiva di mostrare le loro opere al Salon di Parigi, la più importante esposizione europea del periodo. Alle donne non è permessa l’iscrizione a tale Accademia: solo alla fine del ‘700 se ne possono accettare solo 4, dopo dura selezione. Ovviamente i legami familiari o le relazioni sociali con artisti uomini sono cruciali nel determinare le opportunità per le donne di formarsi ed inserirsi nel “sistema” dell’arte. Solo dopo la Rivoluzione francese il Salone viene aperto a tutti.

Marie Therese Reboul nasce nel 1728. È allieva e poi moglie del pittore Joseph- Marie Vien, personaggio importante, direttore dell’Accademia di Francia a Roma. Marie diventa membro dell’Ancienne Academie de Peinture di Parigi nel 1754: le sue opere sono apprezzate da personaggi importanti, come Caterina II di Russia, che ne acquista un considerevole numero, ora presente nel Museo Hermitage.Muore nel 1805.

I temi prediletti dei suoi dipinti sono nature morte, fiori, animali, che anticipano alcuni elementi stilistici dell’800. Su commissione dipinge ritratti, che si caratterizzano per la cura dei particolari e l’attenzione alle espressioni dei volti.

Le modalità stilistiche sono quelle del neoclassicismo: attenzione alla mitologia, al rigore delle forme, all’arte antica. La sua modernità si manifesta però nei quadri legati al “quotidiano”, in cui si dimostra libera da schemi e più “vera”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...