Arte al femminile (22)

remedio_36  remedios_varo11 remedios-varo-blue-wrap

untitled

Remedios Varo Uranga nasce ad Anglès, in Catalogna (Spagna), il 16 dicembre 1908. Il padre è un ingegnere idraulico valenciano, ateo e liberale, la madre, nata in Argentina, ma di origine basca, è profondamente religiosa, legata alla spiritualità cattolica. Queste due forze, la mistica e la scientifica, influenzeranno fortemente la sua opera. La sua nascita aiuta la madre a superare la morte di un’altra figlia, tanto da darle il nome Remedios (= rimedio, medicina). Sin da giovane s’interessa al disegno, incoraggiata dal padre, libero pensatore. La famiglia si trasferisce a Madrid quando Remedios ha nove anni. È inserita in una scuola cattolica: durante la notte legge libri di scienze e di soppiatto impara a utilizzare gli strumenti di ingegneria del padre. A 15 anni s’iscrive all’Accademia d’Arte di Madrid: qui ha Dalì come compagno di classe. Stanca delle restrizioni del collegio femminile, in cui l’avevano messa i genitori a studiare, si sposa con il pittore Gerardo Lizarraga e parte alla volta di Parigi. Qui trova un ambiente artistico a lei consono, che segna la sua arte. Nel 1932 torna in Spagna, a Barcellona, dove approfondisce la conoscenza del surrealismo. Durante la guerra civile spagnola si schiera con i repubblicani: si separa dal marito e va a Parigi con il poeta surrealista Benjamin Péret, conosciuto durante l’attività politica antifascista. A fianco di Péret è introdotta nel circolo di Breton, frequentato da artisti surrealisti, ma lei si sente oscurata dalla presenza e dalla notorietà del suo compagno. Essendo donna non viene considerata come membro effettivo del gruppo surrealista: partecipa solo occasionalmente a qualche mostra. Con l’occupazione nazista della Francia, nel 1941, lei e Péret sono costretti a fuggire ed emigrano in Messico, dove il presidente Cardenas permette ai rifugiati politici di ottenere facilmente la naturalizzazione.

“ Sono venuta in Messico alla ricerca della pace” dice. Remedios pensa a questo esilio come ad un fatto temporaneo, ma in Messico rimane il resto della sua vita. Qui vive usando le proprie competenze artistiche in campo pubblicitario e commerciale. Nel 1947, quando Péret torna in Europa, lei va in Venezuela per raggiungere il fratello Rodrigo, impegnato in una campagna contro la malaria per conto del Ministero della Salute venezuelano: Remedios inizia a studiare e a disegnare le zanzare, contribuendo alla preparazione di manifesti esplicativi. Nel 1952 sposa in seconde nozze il politico austriaco Walter Gruen, reduce dai campi di concentramento tedeschi. Questi crede intensamente nel valore artistico di Remedios e le dà sostegno perché possa concentrarsi interamente sulla pittura. Dopo il 1949 Remedios sviluppa uno stile maturo, enigmatico e singolare.Nel 1955 inizia a presentare in pubblico i suoi lavori. Si lega d’amicizia con Frida Kahlo, Diego Rivera e Leonora Carrington. Muore di arresto cardiaco nel 1963, al culmine della carriera.

Remedios è stata una studiosa appassionata di letteratura antica, ma anche di fisica, matematica, ingegneria, biologia e psicanalisi. Ha prodotto una collezione di 140 opere, 110 delle quali create a Città del Messico. I suoi personaggi sono mistici e solitari, spesso colti in atteggiamenti insoliti. Vi sono richiami autobiografici nella somiglianza dei personaggi a lei o ai suoi amici. Un tema ricorrente è quello della ribellione a una rigidità imposta dall’esterno, che sfocia in una fuga o in un viaggio con veicoli dagli strani ingranaggi, che viaggiano attraverso la terra, l’aria o il mare. Elementi reali si aprono su nuove realtà, in cui spesso appaiono animali (soprattutto gatti) o volti o foglie secche. I particolari non sono mai casuali e ogni singola opera richiede un’attenta osservazione. Un altro tema ricorrente è quello della magia, per cui la mano dell’alchimista mescola la luce delle stelle per dare vita a esseri dalle sembianze straordinarie. Il tutto è curato con tecnica minuziosa e un uso originale del colore, che lei stessa prepara.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...