Arte al femminile (13)

Mary_cassatt  418px-Cassatt_Mary_Maternite_1890  images

Mary Cassat nasce in Pennsylvania nel 1844 in una famiglia colta e benestante, discendente degli Ugonotti francesi scappati in America: il padre è agente di cambio e la madre proviene da una famiglia di banchieri. La famiglia è numerosa, con 7 figli. Mary inizia a frequentare la scuola a 6 anni, nella zona di Filadelfia, dove la famiglia si è trasferita. Secondo l’abitudine allora diffusa nelle classi ricche, inizia a viaggiare e trascorre 5 anni in Europa, visitando molte capitali , imparando tedesco e francese, prendendo le prime lezioni di musica e disegno. Fondamentale è la sua presenza all’Esposizione Universale di Parigi del 1855, che le permette di incontrare gli artisti francesi Ingres, Delacroix, Courbet e Corot. Tornata in America, vincendo l’opposizione dei genitori, s’iscrive ad una scuola d’arte, volendo diventare artista professionista. Insofferente verso i ritmi lenti degli studi e l’atteggiamento di superiorità dei maschi del suo corso, decide di trasferirsi a Parigi, accompagnata dalla madre. Segue corsi privati e si esercita recandosi ogni giorno al Louvre, per copiare le opere esposte. Nel museo possono incontrarsi le studentesse d’arte, alle quali è vietato frequentare le accademie ufficiali e i luoghi in cui si ritrovano gli artisti uomini. Con l’opera “Un suonatore di mandolino” può presentarsi al Salon, dove espone per alcuni anni. Ritornata negli Stati Uniti per via dello scoppio della guerra franco-prussiana (1870), deve scontrarsi con l’ostilità del padre, che non le vuole pagare il materiale per dipingere. Vorrebbe trovare un lavoro che le permetta l’autonomia e si trasferisce a Chicago. L’arcivescovo di Pittsburgh le commissiona due copie di dipinti italiani e le finanzia il viaggio, per cui nel 1871 è di nuovo in Europa. A Parma viene sostenuta ed incoraggiata: riesce ad esporre anche a Parigi. Va in Spagna, a Madrid e a Siviglia. Nel 1874 si trasferisce definitivamente a Parigi, dove si fa dei nemici per le critiche aspre nei confronti delle esposizioni: le artiste riescono ad esporre quasi solo se hanno qualche amico o protettore nelle giurie. Nel 1877 incontra Degas, che la introduce nel gruppo degli impressionisti: diventa amica di Berthe Morisot. Con gli impressionisti si sente a proprio agio e aderisce alla loro causa con passione, dichiarando “stiamo sostenendo una lotta impari e dobbiamo radunare tutte le forze”. Dato che non può frequentare i café come i colleghi senza attirare attenzioni sgradevoli, li incontra in privato e alle mostre. Conta di raggiungere il successo commerciale, vendendo i dipinti ai parigini sofisticati che prediligono l’avanguardia. Espone con gli impressionisti e collabora con Degas, che la influenza nell’uso dei pastelli e nelle acqueforti. Con il tempo il suo stile si evolve e ha un approccio con la pittura più semplice e diretto. Nel 1891 scopre l’arte giapponese, che riprende ed interpreta a modo suo. Dal 1890 al 1910 è molto attiva in America, dove si è riunita alla famiglia, sconvolta dalla morte di due figli. Nel 1910 va in Egitto, dove rimane colpita dalla magnificenza delle opere, tanto da entrare in crisi creativa Nel 1911 iniziano gravi problemi di salute e rimane quasi cieca. Abbraccia la causa delle femministe, che cerca di supportare economicamente. Muore in Francia nel 1926.

Mary Cassat si distingue per lo stile complesso e strutturato e per l’introspezione psicologica dei ritratti. Preferisce soggetti legati al tema materno della cura filiale. La Cassatt lega strettamente l’infanzia al rapporto con la madre, tema poco studiato dagli artisti suoi contemporanei, che esprime in una serie di interessanti quadri in cui vuole “indagare a fondo quel legame speciale, di cui tutti gli esseri umani fanno esperienza, intuendo che lì c’è l’origine e il valore della capacità umana di relazionarsi, per farne una possibile leva di trasformazione.” Semplici e chiari nella narrazione, i suoi dipinti hanno composizione rigorosa e forte capacità evocativa. L’eredità di Mary Cassatt è un miscuglio di coraggio, di indipendenza e di talento, una vera professionista della pittura, sua intensa passione.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...